|es |it |en |po |no |ar |eus | Cerca Login

Valutazione esterna

External evaluation
Tipo: PDF
Dimensione: 70 KB
Lingua: Inglese

La valutazione esterna è il risultato dell’applicazione di criteri prestabiliti da parte di una persona o squadra sulle attività e i risultati del Progetto. Tramite la valutazione intendiamo effettuare un’analisi sistematica e oggettiva delle fasi e dei risultati raggiunti da questo Progetto. Tale valutazione è mirata a valorizzare il Progetto globale.
La proposta è stata delineata sulla base di precedenti decisioni adottate dal Progetto e fa riferimento al modello CIPP – Contesto, Impatto, Prodotto e Valutazioni del Prodotto – I concetti essenziali del modello sono denotati dall’acronimo CIPP, che indica le valutazione del contesto, input (dati di immissione), processi e prodotti di un’entità.
Le valutazioni del contesto analizzano bisogni, problemi, risorse, e opportunità per aiutare chi deve prendere decisioni a definire obiettivi e priorità e aiutare il più ampio gruppo di utenti a valutare obiettivi, priorità e risultati. Le valutazioni degli input analizzano approcci alternativi, piani d’azione concorrenziali, e i budget per l’attuabilità e il potenziale di costi effettivi per soddisfare bisogni mirati e raggiungere obiettivi. Chi deve prendere decisioni usa le valutazioni degli input per scegliere fra progetti concorrenziali, per scrivere proposte di finanziamento, ripartire risorse, assegnare personale, programmare il lavoro, e infine per aiutare gli altri a valutare le difficoltà di progettazione e budget. (Ritengo che la valutazione degli input, pur essendo il tipo di valutazione più importante, sia il più trascurato).
Le valutazioni del processo analizzano l’attivazione di progetti per aiutare il personale ad avviare attività e in seguito aiutare il più ampio gruppo di utenti a valutare la riuscita del programma e ad interpretare i risultati.
Le valutazioni del prodotto identificano e analizzano i risultati – voluti e non voluti, a breve termine e a lungo termine – sia per aiutare il personale a mantenere un’azienda orientata verso il raggiungimento di risultati importanti e infine per aiutare il più ampio gruppo di utenti a stimare le difficoltà che possono ostacolare il soddisfacimento dei bisogni mirati.
A conclusione di una relazione riassuntiva, il valutatore fa riferimento ai valori di contesto, input, processo, e informazioni sui prodotti e ottiene le informazioni aggiuntive di cui necessita. Il valutatore utilizza queste informazioni per porre le seguenti domande retrospettive: I bisogni più importanti sono stati individuati? Le difficoltà sono state affrontate con un progetto e budget sostenibili? Lo schema dei servizi è stato messo a punto in modo competente e modificato come necessario? Le difficoltà sono state superate?

RUOLI DEL VALUTATORE

Valutazione riassuntiva: Uso retrospettivo delle informazioni CIPP per riassumere i pregi, il valore, l’integrità e il senso del progetto.

CONTESTO

Raffronto di obiettivi e priorità con i bisogni stimati, problemi, risorse e opportunità.

INPUT

Raffronto tra la strategia, lo schema e il budget del progetto, e quelli di concorrenti critici e i bisogni mirati dei beneficiari.

PROCESSO

Descrizione completa del processo in atto e registrazione dei costi. Raffronto di processi e costi previsti con quelli realmente effettuati.

PRODOTTO

Raffronto di risultati ed effetti secondari con i bisogni mirati e, se possibile, con i risultati di progetti concorrenziali. Interpretazione dei risultati rispetto al contesto, agli input delle difficoltà stimate.